Voce agli Espositori
Intervista a
Angelo Vaira


ANGELO VAIRA | Agevolatore della relazione col cane e zooantropologo | Fondatore e Direttore Think Dog

 

La prima edizione di una fiera è un momento importante, pieno di attese e aspettative per tutti. Qual è “l’ingrediente” che per voi ha fatto la differenza, portandovi a scegliere di essere a Pets in the City?

Parlando con gli organizzatori di Pets in the City, abbiamo respirato un’aria nuova. Adoriamo Milano per l’attenzione all’ambiente, ai cani e alla cultura e ci è sembrato che questo evento rispecchiasse appieno il nostro modo di comunicare alle migliaia di persone che ci seguono. ThinkDog attrae persone che desiderano una relazione autentica e profonda col proprio cane. Vogliono essere seguite a 360°, dall’educazione del cane, alla guinzaglieria, ai giocattoli, all’alimentazione corretta e tutto ciò che la sua etologia e psicologia richieda. I cani possono renderci esseri umani migliori e non vediamo l’ora di poterlo raccontare e mostrare in occasione di questo speciale evento. Inoltre, punto importantissimo, abbiamo moltissime novità. Sia per quanto riguarda i contenuti della formazione che i nostri prodotti ThinkDog!

Qual è, se si può già dire, il fil rouge o il tema della vostra comunicazione a Pets in the City (fiera e Milano Pet Week)?

È proprio ThinkDog! Ovvero un verbo, un’attitudine, qualcosa che ti si smuove dentro quando sei a contatto col cane. ThinkDog ben prima che un brand è pensare come pensa il cane, entrare nel suo mondo, guardarlo dal suo punto di vista e da questa nuova prospettiva arricchire la nostra esperienza di esseri umani. In un certo senso è un’esperienza mistica. Diciamo l’empatia, l’ascolto e la prospettiva del cane sono i principi per cui la gente ha amato me in TV, in Radio, sui libri e sul Corriere e sono i motivi per cui gli educatori della mia Scuola, la ThinkDog, sono così riconoscibili. Amiamo i cani e amiamo essere in dialogo con loro, qualunque cosa proponiamo: un corso di educazione, di un video, una pettorina e la formazione di più alto livello.

Cosa ama il pubblico del vostro marchio?

ThinkDog è amata per il fatto che ha rivoluzionato il modo in cui si educa il cane e ci si relaziona a lui. Quando è uscito il mio primo libro mi hanno scritto in tanti dicendomi: “mentre lo leggevo sentivo vere quelle parole in me. Finalmente qualcuno che ha dato corpo e sostanza scientifica e pratica a ciò che ho sempre sentito ma non sapevo spiegare”. Abbiamo bandito la violenza, le smancerie da cani da borsetta, il mito del dover essere il capo branco.
Poi dopo magari le persone, dopo aver letto i nostri libri o avermi visto in un video, entrano in contatto con noi o partecipano ai nostri corsi. Lì ciò che più amano è la cura che abbiamo per loro. Si sentono a casa, ascoltati, guidati empaticamente e circondati da entusiasmo. Come ci riusciamo? Facendo ciò che facciamo anche col cane e con ogni essere vivente quando lo abbiamo di fronte: ci connettiamo al suo potenziale di individuo libero, creativo e innamorato della vita.

Scopri di più su ThinkDog

Scopri le altre news